Premio “Notte Bianca Salerno” Premio Luciano Schiavone

La FeNAILP ha istituito, il premio “Notte Bianca Salerno” alla memoria dell’Artista Salernitano Luciano Schiavone, prematuramente scomparso. Il premio è destinato, quale riconoscimento, ad Artisti salernitani che si sono contraddistinti nel campo dello spettacolo, della cultura,dell’arte, delle professioni e dello sport nel panorama nazionale ed internazionale. Il premio suddiviso in due sezioni: New Generation e Special  Awards sarà assegnato da una giuria accreditata. Luciano Schiavone, insieme a suo fratello gemello Matteo, costituivano un duo di successo, i "Liric Brothers", una   realtà artistica che incontrava un gradimento straordinario in tutti gli ambienti dello spettacolo. Le doti canore ed il fascino interpretativo dei gemelli Schiavone, resero ancora più suggestivi i celebri motivi di un vastissimo repertorio che permise loro di proporsi anche in ambito internazionale. Dalle più belle canzoni napoletane classiche ai canti della Tosca di Puccini, dalle canzoni lirico - sentimentali all'operetta e alle più celebri romanze italiane e del mondo intero, il loro spettacolo si articolava come un viaggio intorno alla Terra, cogliendo dai vari paesi usi e costumi per poi tramutarli in musiche e canzoni. I gemelli Schiavone, salirono alla ribalta televisiva negli anni novanta, con ospitate fisse al Bagaglino, nella trasmissione di Rai Uno “Saluti e Baci” scritta da Castellacci e Pingitore. Luciano e Matteo Schiavone hanno formato il duo capace di portare la loro Salerno alla ribalta dei palcoscenici italiani. Purtroppo Luciano è scomparso prematuramente, lasciando sbigottito il mondo dello spettacolo italiano. Di qui l’idea di un istituire un Premio che ne ricordi la memoria.

___________________________________________________________________________________________________________________________________

 

NOTTE BIANCA SALERNO 2022


Premio “LUCIANO SCHIAVONE”

 

Premio “ANDREA CARRANO”

La giuria del Premio Notte Bianca Salerno, presieduta dal Giornalista e Scrittore Vito Pinto, ha attribuito il Premio “Luciano Schiavone” per la Categoria “SPECIAL AWARDS” allo Sceneggiatore, Attore e Regista ANGELO ORLANDO e per la Categoria “NEW GENERATION” al Rapper  PEPPE SOKS 

Il premio è destinato, quale riconoscimento, ad Artisti salernitani che si sono contraddistinti nel campo dello spettacolo, della cultura, dell’arte, delle professioni e dello sport nel panorama nazionale ed internazionale.

ANGELO ORLANDO

Sceneggiatore, regista e attore di cinema, teatro e televisione.  La sua carriera ha inizio a Roma dove viene notato da Enzo Trapani che lo porta in Rai, nel 1987 Renzo Arbore lo inserisce nel cast di comici di D.O.C ed è subito amato dal grande pubblico. In teatro viene notato da Federico Fellini che gli offre il ruolo di Nestore nel film La voce della Luna insieme con Roberto Benigni e Paolo Villaggio, e da quel momento lavora con registi come Nanny Loy, Maurizio Nichetti, Mario Monicelli, Enzo Decaro ed anche con Massimo Troisi in Pensavo fosse Amore… invece era un calesse.

Orlando è anche autore di sei testi teatrali di successo: "Delirimetropolitani" (1993); "Messico e nuvole" (1994); "Casamatta vendesi" (1996-1997); "Domani notte a mezzanotte qui" (1997-1998); "Cafè" (1999); "Barbara" (2003). Ha diretto due film, "L'anno prossimo vado a letto alle dieci" (1994) e "Barbara" (1998), e scritto la sceneggiatura di "L'ultimo mundial" (1998), regia di Antonella Ponziani e Tonino Zangardi; "Tobia al caffè" (1999), regia di Gianfranco Mingozzi; "Ormai è fatta" (1999), regia di Enzo Monteleone. Ha ricevuto vari riconoscimenti, sia come attore che come autore, tra cui: il Premio David Donatello come migliore attore non protagonista (1992) per "Pensavo fosse amore invece era un calesse"; il Premio Charlot d’oro (1992) come migliore attore comico dell’anno; la candidatura al Globo d’oro e al Nastro d’argento (1998) per la sceneggiatura di "Ormai è fatta". Nelle ultime settimane, dopo la partecipazione nel 2000 e 2001 a due fiction di Rai e Mediaset ("Non lasciamoci più. 2°serie, regia di Vittorio Sindoni; "Ma il portiere non c'è mai?", regia di Carlo Corbucci e Pipolo), è tornato in tv come "opinionista" del Maurizio Costanzo Show.

Ora vive in Spagna ma ritorna sempre nella sua città e con un sogno nel cassetto:

“raccontare una storia, magari un film, e ambientarlo tutto a Salerno...

Per me ogni cosa ha origine in quel periodo. Prima d'intraprendere qualsiasi iniziativa, devo chiedere il permesso al ragazzo che sta ancora lì, in una grande pianura piena di facce di ragazzi che, come me, vivevano giorno per giorno nel quartiere di Torrione, inventandosi mille modi per passare la giornata. “

PEPPE SOKS

All’anagrafe Giuseppe De Luca, è un rapper originario di Salerno classe 1997. La passione per la musica hip hop lo accompagna sin dai primi anni di età e lo porta a farsi conoscere in Campania per le sue ottime doti di freestyler. La svolta giunge nel 2015 con la pubblicazione di “Sulamente nuje”, progetto in coppia con il collega e amico Capo Plaza. Nel 2019 incide invece il suo primo album da solista “RIPARTO DA ME”, contenente i singoli di punta “Na Na Na”, “Nenne” e “Mancavi tu”, ad oggi certificato Disco d’Oro, che vantano decine di milioni di visualizzazioni. Lo stesso anno intraprende il “Riparto da me Summer Tour”, un itinerario di circa 100 date in giro per tutte le città del Sud Italia.
Il 4 Dicembre 2020 pubblica il nuovo album “Stella Del Sud” disponibile anche in copia fisica su Amazon, esordisce alla posizione numero 50 in classifica Fimi.

___________________________________________________________________________________________________________________________________

La giuria, inoltre ha attribuito il Premio “ANDREA CARRANO” imprenditore alberghiero di Ravello, storico dirigente Sindacale al Giornalista RAI GIACOMO CAPUANO.

GIACOMO CAPUANO

Salernitano doc ci tiene a ricordare sempre che il suo percorso nasce per caso proprio nella sua città, presso Lira Tv dove ha avuto la fortuna di formarsi con la scuola della strada.

Emigrato a Roma ha lavorato per la prima volta in Rai al Tg3 Cultura. Le coincidenze e i casi della vita lo hanno poi portato ad occuparsi di sport, per più di tre anni ha lavorato alla vecchia Rai International, Rai Italia oggi, dove era inviato e telecronista della Giostra dei gol, la trasmissione cult degli italiani all’estero, una sorta di tutto il calcio minuto per minuto televisivo con una partita guida in diretta, da più di 60 milioni di telespettatori che purtroppo non è più in onda per una questione di diritti sportivi. Conduttori al tempo erano il grande Gianfranco De Laurentiis e una giovanissima Ilaria D’Amico. Proprio allora, lo scudetto della Roma nel 2000 fu il primo momento nazionale lavorativo di grande emozione

Dal 2002 è a Rai Sport dove lavora ancora oggi.  Tanti gli avvenimenti commentati in questi 20 anni, dal calcio, al basket, alla pallamano, al nuoto, alla pallanuoto, ai tuffi, al sollevamento pesi, al pugilato, al tiro con l’arco. Un viaggio intenso finora che gli ha dato la possibilità di partecipare a ben 4 Olimpiadi: Pechino 2008, Londra 2012, Rio 2016 Tokyo 2021. Nell’ultima in Giappone ha raccontato l’impresa storica del sollevamento Pesi che ha portato a casa tre medaglie, il miglior bilancio di sempre ma anche la prima medaglia italiana femminile in assoluto nel pugilato femminile, conquistata da Imma Testa.

La redazione di appartenenza è stata però sempre quella del calcio, dalle telecronache della serie D fino a quelle su Rai 1 degli ultimi Europei itineranti. In totale è stato presente ad un Mondiale, Brasile 2014 e a tre Europei, Polonia 2012, Francia 2016 e quello recente del 2021.

Da salernitano è orgoglioso di essere stato la voce Rai di traguardi storici raggiunti dalla Salernitana a cominciare dalla promozione in serie B ottenuta all’Arechi contro il Pescara ad aprile 2008. Sempre ad aprile, ma del 2014, fu il telecronista del successo in Coppa Italia di Lega Pro contro il Monza, una giornata nel segno anche dell’indimenticato Agostino Di Bartolomei. Gli ultimi due eventi di cui è stato testimone, legati ai colori granata, che hanno riguardato la passione di una città intera, sono la telecronaca del 10 maggio 2021, del ritorno in serie A dopo 23 anni con la vittoria a Pescara e la sintesi del 22 maggio per la Domenica Sportiva della prima salvezza in serie A, nonostante la pesante sconfitta con l’Udinese.

Oltre la specifica di telecronista, ha avuto esperienze anche come conduttore e ad oggi è stabilmente inviato di 90° minuto e della Domenica Sportiva.

 

I Premi saranno consegnati Sabato 9 Luglio 2022 alle ore 11,00  presso la Sala Genovesi della Camera di Commercio in Via Roma, 29 a Salerno.

___________________________________________________________________________________________________________________________________

Albo premi NOTTE BIANCA SALERNO “LUCIANO SCHIAVONE”

2013 Categoria   “New Generation ROCCO HUNT
  Categoria   “Special Awards CHICCO PAGLIONICO
     
2014 Categoria   “New Generation SYDNEY SIBILIA
  Categoria   “Special Awards BEATRICE FAZI
     
2015 Categoria   “New Generation VINCENZO ALFIERI
  Categoria   “Special Awards ANTONIO IANNIELLO
     
2016 Categoria   “New Generation PAOLO GASPARINI
  Categoria   “Special Awards PASCAL PERSIANO
     
2017 Categoria   “New Generation CARLO RAGONE
  Categoria   “Special Awards YARI GUGLIUCCI
     
2018 Categoria   “New Generation PUPETTA AKA BONNIE P.
  Categoria   “Special Awards ANGELA CIABURRI
     
2019 Categoria   “New Generation CARMEN PIERRI
  Categoria   “Special Awards VIRA CARBONE

Albo premio ANDREA CARRANO

2015

EDOARDO PURGATORI  

EX AEQUO

ELEONORA CADEDDU

2016 VINCE TEMPERA 
2017 ERNESTO MAHIEUX
2018

FRANCESCO PAOLO PACILLO

EX AEQUO

TONY TAMMARO

2019

EDUARDO TARTAGLIA

EX AEQUO

VERONICA MAZZA